Il reparto in uscita a Roma

A caccia dell'uomo del mistero in giro per Roma

Domenica 14 luglio è stata una giornata speciale, perché noi ragazzi del Reparto, insieme con i capi, siamo andati in uscita a Roma.

Ci siamo incontrati nel piazzale della stazione alle 6.20 e poi siamo partiti. All’andata sul treno ci siamo divertiti raccontando barzellette e scherzando.

Arrivati alla Stazione Termini di Roma, ci siamo recati nella vicina Basilica di Santa Maria Maggiore; prima di entrare ci siamo divisi in squadriglie e poi abbiamo visitato la chiesa antichissima e molto bella. Alle 9.00 abbiamo ascoltato la Santa Messa.

Usciti dalla Basilica, abbiamo fatto cerchio e capi ci hanno spiegato che quel giorno non eravamo venuti a Roma per una semplice visita, ma perché era arrivata loro una lettera da una persona, “L’Uomo del Mistero”, che diceva che la città di Roma era in serio pericolo e doveva essere salvata. Perciò bisognava risolvere l’enigma per scoprire chi fosse “L’Uomo del Mistero”, che si sarebbe rivelato solo se fossimo stati così bravi da trovare tutti i posti dove lui aveva lasciato degli indizi...

I capi ci hanno dato delle lettere con i posti che dovevamo raggiungere e ci siamo divisi in due gruppi, maschi e femmine.

Il primo gruppo con Maria e Marco, noi invece, con Giuseppe.

I posti da raggiungere erano diversi, il primo la Basilica di San Pietro, per cercare proprio la tomba del primo Papa. Di seguito, ci siamo incontrati con il gruppo delle ragazze e abbiamo raggiunto un giardino vicino Villa Borghese, dove abbiamo mangiato. Dopo pranzo  ci siamo di nuovo divisi in gruppi.

Il nostro primo posto da raggiungere era Castel Sant’Angelo dove dovevamo trovare la statua in cima al castello. Poi avremmo dovuto andare al Colosseo, ma non siamo riusciti ad arrivarci. Il gruppo delle ragazze è stato più bravo di noi, perché loro sono riuscite ad arrivare all'ultima tappa e trovare la statua di Papa Pio IX ed un ultimo indizio.

Alla fine di questa caccia al tesoro in giro nella bella città eterna, ci siamo ritrovati in stazione per tornare a casa.

E’ stata una bellissima esperienza che noi tutti speriamo si ripetere, anche perchè l'umo del mistero, è ancora un mistero!!

Valerio T.